La Faenzi (PDL), Rossi (PD) e l’aborto

Riceviamo e pubblichiamo questo aritcolo di Federico Gorbi.

Ancora una volta i vescovi italiani – attraverso il cardinale Angelo Bagnasco – hanno fatto sentire la loro voce sul dramma dell’aborto, chiedendo ai cattolici di non sostenere i candidati favorevoli all’interruzione della gravidanza. Un dramma che si tenta di rendere “invisibile” anche in Toscana, regione nella quale l’assessore alla sanità Enrico Rossi, oggi candidato a Presidente, ha sempre sostenuto la diffusione della pillola abortiva. A Rossi tuttavia non si può certo imputare una mancanza di chiarezza sull’argomento.

Ma qual’è la posizione del Pdl? I vertici nazionali all’indomani dell’appello dei vescovi si sono tutti affannati a dichiararsi a favore della vita, salvo rare eccezioni come quella di Daniele Capezzone che questa volta non ha assolto alla sua funzione di “portavoce” ufficiale del Pdl ma ha preferito osservare un eloquente silenzio.
Molto più interessante è però il caso della candidata toscana Monica Faenzi che, interrogata sull’argomento anche da alcune tv locali, ha dichiarato di essere assolutamente favorevole all’aborto. Non solo, l’unico punto di contatto con il candidato governatore del Pd Enrico Rossi, sarebbe proprio il via libera alla pillola abortiva.
Tuttavia, appena due giorni prima, la stessa Faenzi aveva sottoscritto, insieme al candidato dell’Udc Francesco Bosi, un “Patto per la vita e la famiglia” proposto dall’Associazione Scienza & Vita di Pontremoli e della Lunigiana. Nel documento, pubblicato sul sito dell’associazione, la candidata del Pdl dichiara il proprio impegno “ad operare in favore della vita, e per quanto sarà di mia competenza, a far si che l’aborto non sia usato ai fini della limitazione delle nascite”.
Insomma, forse presa da uno slancio di generosità durante uno dei tour elettorali, ha dichiarato cose che non pensa ad una associazione locale, contando forse nella scarsa diffusione della notizia.
I piani però sono saltati, un po’ per l’appello dei vescovi e un po’ perché, nella globalizzazione dell’informazione, è difficile sfuggire alla rete di internet che riporta praticamente ogni parola pronunciata dai candidati.
L’aspetto grave della vicenda non è il pensiero della Faenzi sull’aborto. I vescovi hanno diritto a rivolgere gli appelli ai fedeli e la rappresentante del Pdl è libera di pensarla come preferisce e di seguire o meno le parole dei rappresentanti di una fede che, per sua stessa ammissione, non le appartiene.
L’aspetto che dovrebbe far riflettere gli elettori è quale credibilità possa avere chi una sera afferma una cosa e la sera successiva sostiene il suo esatto contrario.
A questo punto concordo con il suo slogan: il coraggio di cambiare.  Cambiare sì, ma lei cambia…  idea ogni giorno.
Annunci

Una Risposta

  1. La Sig.ra Faenzi è lo specchio di chi l’ha voluta candidata alla presidenza della regione Toscana: il Presidente del Consiglio. In fatto di menzogne questi signori stanno facendo scuola. Ricordate la manifestazione di sabato scorso? Dati ufficiali della questura: presenze tra i 120.000 ed i 140.000. Il PDL ha insistito per dire 1.200.000 fino al punto che Gasparri ha chiesto la rimozione del questore. In una democrazia seria che deve confrontarsi ogni giorno con la UE e con il resto del mondo oltre che con il proprio popolo queste affermazioni sono del tutto ingiustificate. Questi signori meritano ancora la fiducia del popolo italiano?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: