Perché le province non saranno tagliate: Leghisti a salvaguardia degli sprechi

Ci attende una manovra finanziaria di lacrime e sangue, una finanziaria dove ciascuno non potra esimersi dal fare la propria parte per salvaguardare la nostra Italia e l’intero continente dal rischio di eguagliare la Grecia.
Tutti i partiti che vogliono considerarsi seri e responsabili, seppur di opposizione, non possono che in questi giorni fare la propria parte ed affrontare la grave situazione, assumendosi anche l’onere di approvare la manovra.
“Sarà una manovra che taglierà gli sprechi – aveva annunciato Tremonti – toccherà anche le province”. C’era da sperare che fosse la volta buona per l’abolizione di questi Enti, i dipendenti e le competenze sarebbero passati ad altri Enti ma di certo sarebbero stati risparmiati tanti denari. L’UDC nel programma elettorale 2008 si era dichiarata a favore dell’abolizione delle province, non potevo quindi che essere d’accordo con Tremonti.
Sono andato quindi a leggere i criteri tramite cui si sarebbe proceduto all’abolizione:
come primo criterio non si eliminano le province di regioni a Statuto Speciale, la competenza in questo caso è regionale.
Il secondo criterio prende invece in considerazione il numero degli abitanti, infatti vengono eliminate le province con meno di 220.000 abitanti. Il taglio già diventa davvero superficiale.
Ma il terzo criterio, originalissimo, rende tutto più evidente: non vengono eliminate le province che, anche se non si trovano in regioni a Statuto Speciale, anche se non arrivano a 220mila abitanti, confinano con un paese estero. 
In questo modo vengono salvate province come Sondrio, Vercelli, Imperia, Verbania e Verbano-Cusio-Ossola, a forte presenza leghista. Che le province a confine abbiano competenze di ordine militare?
Verranno tagliate dieci province e guarda caso non sono quelle della Lega. Ciò nonostante Bossi non si fida e con Bergamo nel cuore dichiara: “o Provincia o Guerra Civile!”
Ultima notizia, pare che non se ne faccia nulla, Tremonti si scusa, era una boutade.
I leghisti non potendo realizzare il federalismo, semplicemente perché farebbe aumentare i centri di spesa, in parole povere costa e pure molto, salvaguardano le poltrone che hanno ed a quanto pare ci riescono pure bene. Tosi e Cota sono nuovamente in tv con i loro freschi volti.

Gianluca Enzo Buono

Annunci

4 Risposte

  1. […] confinano con un paese estero. Con questo sistema del tutto originale si salvano province come Sondrio, Vercelli, Imperia, Verbania, e Verbano-Cusio-Ossola a forte presenza leghista. Mi viene una domanda, ma da quando le province fanno politica estera? […]

  2. […] Centro Lazio, che vi consiglio di leggere. Vi indico anche, come lettura, le considerazione di Gianluca Enzo Buono, su Estremo Centro Toscana, che vi indica il perché dell’impossibilità di eliminare le province. E poi diciamocelo […]

  3. […] Noi di Estremo Centro, grazie alle ottime analisi di Antonio Di Matteo, di Andrea Ugolini e di Gianluca Enzo Buono, queste domande ce le siamo poste e abbiamo anche cercato delle risposte, vi consiglio di leggerle […]

  4. […] l’annuncio in pompa magna dell’eliminazione di tutte le province, poi, in seguito alle prime reazioni negative della Lega (ancorata molto più di quel che vuol far credere alle poltrone e alle logiche clientelari) le […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: