Generazione Neet: ma lo siamo davvero?

Riceviamo da Christian Condemi

Nelle ultime settimane siamo stati definiti Generazione NEET (nè studio nè lavoro e nè formazione), bamboccioni, mammoni e nullafacenti coperti dal welfare familiare attraverso un’operazione di mistificazione dei dati pubblicati dal Rapporto annuale a cura dell’Istat e di altri enti di ricerca.
Dietro i nuovi stereotipi e le ridicole banalizzazioni si cela una condizione materiale che parla di precarietà, lavoro nero e disoccupazione giovanile con i tassi più alti d’Europa: Il 30% dei giovani tra i 18 e i 25 anni è disoccupato. Il confronto con il resto dei paesi europei rileva la necessità di riflettere sul tema della redistribuzione della ricchezza, così quello delle politiche di welfare e delle forme di protezione sociale.
L’Italia e la Grecia sono gli unici due paesi in Europa a non avere nessuna forma di protezione sociale e di sostegno al reddito. Quando non si trova un lavoro a progetto, intermittente o occasionale ci si immerge nel grande universo degli stage, una recente ricerca dell’Isfol sottolinea che siamo diventati una “nazione di stagisti seriali” con il 19% dei giovani precari che si è ritrovato a farne almeno tre, naturalmente senza nessun rimborso spese o retribuzione. Riprova, sarai più fortunato sembra lo slogan annunciato mentre sorridendo, ci danno una pacca sulla spalla. Infatti soltanto il 2% degli stage arriva ad avere una stabilizzazione contrattuale. (FONTI ESTRAPOLATA DA UN EMITTENTE RADIOFONICA)

*Nella Roma capitale della precarietà giovanile ,anzi diciamo anche nell’Italia in senso pieno, non si trovano ad ora risposte adeguate,progettualità da ridisegnare scenari da tracciare, blog forum radio eventi opinioni dibattiti, aiutano a rendere meno invisibile questa galassia precaria,spesso surclassata e messa in secondo piano… quasi come se le publicità i media… avessero piu interesse a parlare delle code in autostrada per gli esodi di agosto, o appunto di carla Bruni, per citare il buon Cristicchi.
La politica spesso è assente anche se il libro di qualche tempo fa dedicato ai giovani scritto da Fini, è bel punto di partenza. In controtendenza però con la classe dirigente degli ultimi anni, una delle peggiori, e la politica è stata la grande assente anche per le recenti decisioni fiat,perlomeno il governo un governo con il ministero dello sviluppo economico incancapace di decidere… o le stesse forze di sinistra pronta a tifare o marchionne o la fiom… spiazzanti.

Eppure loro ci sono, questi precari non sono cosi extra terrestri, o freddi dati statistici, sono storie brandelli di vita, esistenze, sono in mezzo a noi… negli annunci stropicciati, nelle bacheche di facoltà… dove spopolano affitti in nero, dinanzi il miraggio di un interinale,oppure su un volo Ryianair, per andare chissa dove.
Perchè in fondo si vive una volta e il bagaglio delle esperienze deve essere proprieta di ognuno, e non scritto dalle rigide leggi di mercato… ci sono venuti a dire che la cosidetta “giustizia del proletariato” ha impallinato come un fagiano il signor Biagi Marco, ci sono venuti a dire che non abbiamo la verve dei giovani francesi,capaci di scendere in piazza a Parigi non solo per il concertone del primo maggio, altri slogan ci dicono che non puo gravare tutto sulle nostre spalle.

Ma chi sono i veri interlocutori di questa generazione?
Una generazione spesso spaesata ma al contempo pronta a mettersi in gioco, pronta a sostenere Stage, lavori stagionali, a ribaltare il destino, ma stavolta senza valige di cartone, verso chissà quale America, che non esiste nemmeno piu, magari stavolta con un ipod o un tomtom, destinazione paradiso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: